Side notes

fragment – De Profundis, Oscar Wilde

“If after I am free a friend of mine gave a feast, and did not invite me to it, I should not mind a bit. I can be perfectly happy by myself. With freedom, flowers, books, and the moon, who could not be perfectly happy? Besides, feasts are not for me any more. I have given too many to care about them. That side of life is over for me, very fortunately, I dare say. But if after I am free a friend of mine had a sorrow and refused to allow me to share it, I should feel it most bitterly. If he shut the doors of the house of mourning against me, I would come back again and again and beg to be admitted, so that I might share in what I was entitled to share in. If he thought me unworthy, unfit to weep with him, I should feel it as the most poignant humiliation, as the most terrible mode in which disgrace could be inflicted on me. But that could not be. I have a right to share in sorrow, and he who can look at the loveliness of the world and share its sorrow, and realise something of the wonder of both, is in immediate contact with divine things, and has got as near to God’s secret as any one can get.”

textos sin cabeza

2° ejercicio

anhelo=dor/longing

Te busco en cada foto que existe de ti en este mundo absurdo. Y quando te encuentro no te puedo mirar. Te veo de frente de mi pero no es suficiente, no es lo que yo quería encontrar. Tu ya eres dentro de mi, y ahi, afuera, no me sirves para nada. Las fotos no consuelan mi anhelo.

testi senza testa

1° esercizio

onde = valuri/ waves

–     Ritorniamo a scrivere! A parlare di quello che non abbiamo mai saputo, mica capito un gran che. Comincerò con quella mattina!

–     Ma perché? Aspetta un’attimo! Tu sei stata nata di notte, di nascosto, solo tua madre, la ostetrica e, ad un certo punto, ti sei decisa di venire anche tu. Sempre in ritardo, come lo fai anche oggi, questa indecisione che ti ammazza e rompe i coglioni agli altri! Era già molto tardi per sapere con certezza che ora era. L’ostetrica le disse a tua madre che non era ancora Martedì. Pensaci un pò, chi cavolo vuole nascere il Lunedì? Di notte? Nessuno! Guarda Nadal! Lui è nato qualche ora dopo di te – c’era un bel sole fuori, te lo garantisco io – un uomo paziente e determinato a non nascere il lunedì, hai visto? Con un pò d’impegno avresti potuto vincere il Roland Gaross ogni anno anche tu! Ma no, tu ti sei sbrigata a nascere il lunedì per essere per sempre una persona che sa solo cominciare un lavoro però mai portarlo ad un buon fine! Peggio poi con ascendente in Capricorno, ma dimmi tu a chi piace portare le corna tutto il santo giorno?

–   Basta! Io voglio ritornare a quella mattina quando mi alzai fiduciosa che mio padre era ancora vivo. Se fosse possibile vorrei cominciare e fermarmi li, in quella mattina ghiacciata di gennaio quando tutti sapevanno la verità meno io. Da quella mattina in poi, per molti anni ho preferito a non sapere la verità, a scegliere sempre le stanze ireali che mi sono creata per avere un attimo di tranquilità, per poter mantenere la fiducia che ci serve per vivere tra questa gente che un giorno ti abbraccia forte, ti ama e poi, nel giorno dopo, se ne va via lasciando tracce solo nei tuoi ricordi. E’ vero, sono nata di notte però alla mattina c’è n’erano ancora le mie tracce dietro. Per qualche motivo cerco ancora di lasciarmele dietro di me senza portare il peso della notte sulle mie spalle. Delle tracce che vogliono solo indirizzarsi verso il mare, perdendomi così ad alta marea. Quel forte rumore delle onde enormi che mi manca ogni giorno e che mi chiama in continuazione che ritorni da loro…

–  Sì, dai… tutti questi pensieri romantici raccontali a qualcuno che non conosce cosa c’è dietro quei occhi di bambina viziata! Ti stanno bene per qualche minuto, poi velocemente  rientra la tua cattiva razionalità, ed invece di lasciarti prendere dalle onde, ne pensi subito se le onde potrebberò portarti da un nuovo posto dove vorresti tanto andare. Sempre molto pratica tu eh… non puoi neanchè lasciarti andare dal mare, la tua mente si impadronirà di te ogni volta che porterai le tue tracce vicino al mare, vicino alla tentantazione, alla realtà scomoda di cui non ne vuoi sapere. Tu vuoi abbracciare le onde, loro ti chiamano, cerchi di avvicinarti e niente… ritorni nel buio in cui ti sei nata. Devi per forza accettare che è così che succede a tutte le persone che nascono di notte il lunedì: si annoiano anche quando si tratta di andare a morire nel mare.

–  Tutto quello che ne pensi di sapere non è vero! L’unica cosa vera di questa storia è che voglio accettare quella mattina ghiacciata di gennaio quando tutti sapevano la verità meno io.

–  Bene. Scrivendo tutto ciò sulle ultime due pagine del quaderno è un bel inizio per praticare l’accetazzione… Sono ancora molto lontane le onde, vero?

Aprilie

Aprilie e luna în care mulţi aleg să se ducă. De-ai mei, de-ai tăi, din scriitorii pe care ii citeşti când mintea vrea să ţi-i aducă înapoi. O fi aerul prea tare pentru cei care o iarnă întreagă au suferit fizic şi sufleteşte, e prea mult pentru ei să poarte în continuare pe umeri o altă “reîncepere”. Se topesc în pământ ca să înflorească pe alte tărâmuri unde nu-i nevoie de rădăcină ca să-şi găsească echilibrul. Bunica ne-a anunţat din timp că ea “nu mai poate trece de iarna asta.” Aşa a fost. La început de aprilie, în ultima ei seară, cu fărâmituri de luciditate rămasă, mi-a spus supărată: să nu mai fluier!, iar apoi s-a dus. Diferenţa e că ea nu cred să-şi fi dorit în general să treacă de vreo iarnă, iar oameni ca ea mă întreb dacă vor putea să îşi găsească în vreun loc, în vreo ţarină, echilibrul, împăcarea. 

Bobisme

Bob: De fiecare dată când merg și eu ca tot raveru’ într-un club să dansez, ies de acolo cu hainele împuțite de zici că m-am tăvălit într-o scrumieră plină cu mucuri de țigără toată noaptea! Cum dracu vă puteți suporta cu mirosul ăsta tot timpul?! Voi nici nu mai știți care vă e mirosul corpului! 

Moromete: Cu povești dintr-astea mă aburești tu ca să nu îmi aduci țigări? Pot să îmi fac rost oricând rost de prieteni imaginari care să-mi facă rost de țigări. 

Bob: Bine… Am găsit doar două țigări. Una-i deja începută.